ukash bozdurmadinleme cihazpanaks Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo - Per la cura dei beni comuni. A Palermo un incontro fra amministratori comunali e cittadinanza
CeSVoP

Hai suggerimenti? Hai segnalazioni? Scrivi al CeSVoP...

Cerca

Area utente

Inserisci il tuo Username e la Password nei campi sottostanti.

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online

Statistiche

Utenti: 3467
Notizie: 4867
Collegamenti web: 3
Visitatori: 5996086

Iscriviti ai Feed!

coge.jpg

Calendario

Per la cura dei beni comuni. A Palermo un incontro fra amministratori comunali e cittadinanza PDF Stampa E-mail
«Verso un regolamento per la cura dei beni comuni di Palermo» è il tema dell’incontro cittadino che si svolge in città il 12 dicembre 2017, a Palazzo delle Aquile (Piazza Pretoria), dalle ore 16,30. L’evento è promosso dall’amministrazione comunale del capoluogo, da Labsus (Laboratorio per la Sussidiarietà) e dal CeSVoP
Ci si prefigge di proseguire il percorso avviato ufficialmente con la delibera n. 186 10/10/2017 del Comune di Palermo, in cui si ratifica la volontà politico-amministrativa di approvare un Regolamento per la gestione condivisa dei beni comuni urbani, già adottato con ottimi risultati da altri 135 comuni in tutta Italia, che riconosce ai cittadini il diritto di prendersi cura della propria città. Quindi, nell’incontro del 12 dicembre verrà spiegato il funzionamento di questo nuovo strumento per la partecipazione concreta alla soluzione dei problemi della comunità. Non solo. Sarà dato ampio spazio anche all’ascolto delle proposte provenienti da associazioni, comitati di quartiere e semplici cittadini per la cura, la rigenerazione e lo sviluppo dei beni comuni di Palermo.
Verde pubblico, piazze, scuole, beni culturali, fontane… sono tutti beni pubblici di cui i cittadini vorrebbero prendersi cura, ma non possono perché la normativa attuale glielo proibisce. Un apposito regolamento comunale, invece, aprirebbe propettive di sviluppo molto promettenti, soprattutto in un contesto come quello siciliano e palermitano caratterizzato da povertà, disoccupazione e disillusione. Investire sulla cura, la rigenerazione e lo sviluppo dei beni comuni, a cominciare dai beni comuni urbani, significa non solo garantire qualità della vita, una città più bella e vivibile, ma anche processi di cittadinanza attiva e di nuova economia sociale.
L’iniziativa del 12 dicembre è a ingresso libero ed è aperta a tutta la cittadinanza. Vi partecipano: Giuditta Petrillo, presidente del CeSVoP; Gregorio Arena, presidente di Labsus; Giuseppe Mattina, assessore comunale alla cittadinanza sociale e ai beni comuni; Ferdinando Siringo, vicepresidente del CeSVoP. Qui sotto il dettaglio del programma.

Programma dei lavori
Ore 16.30 Saluto - GIUDITTA PETRILLO, presidente del CeSVoP
Ore 16.45 Introduzione e metodo di lavoro – FERDINANDO SIRINGO, vicepresidente del CeSVoP
Ore 17.00 L'amministrazione condivisa dei beni comuni – GREGORIO ARENA, presidente di Labsus
Ore 17.30 L’impegno del Comune per la gestione dei beni comuni – GIUSEPPE MATTINA, assessore Cittadinanza Solidale, Diritto e Dignità dell'Abitare, Beni Comuni
Ore 18.00 Dibattito
Ore 19.30 Conclusioni

LOCANDINA